12/11/09

ALESSANDRO MANNARINO : il nuovo video del brano TEVERE GRAND HOTEL (girato nel campo rom più grande di Roma - il Casilino 900) e domani sul palco dell'Ariston a Sanremo in occasione del Premio Tenco



Il nuovo videoclip del brano “TEVERE GRAND HOTEL” di ALESSANDRO MANNARINO (tratto dal suo disco d’esordio BAR DELLA RABBIA) è stato girato nel campo Rom più grande di Roma, il Casilino 900, con la volontà di mostrare i volti e i sorrisi dei Rom in una città come Roma, teatro, sempre più spesso, di episodi di razzismo nei confronti della comunità Rom. Oggi il futuro del Casilino 900 è ancora incerto, è infatti proprio di ieri la notizia dello sgombero del campo Casilino 700.
Finalista nella categoria “Album artisti emergenti - opera prima” con “BAR DELLA RABBIA”, domani ALESSANDRO MANNARINO salirà sul palco dell’Ariston di Sanremo in occasione del Premio Tenco.
“BAR DELLA RABBIA” è la testimonianza di una Roma massacrata, palcoscenico di immigrati che dondolano su impalcature, di campi nomadi incrostati di baracche e di pagliacci singhiozzanti, vite trasformate in ballate fantasiose dove tutto può ancora succedere. Nei suoi testi, macchiati dai forti toni del surrealismo, si vivono storie oniriche e tragicomiche di ubriachi e zingari innamorati. Partendo dalle sonorità e dai ritmi della musica popolare italiana MANNARINO condisce il proprio mondo con elementi di musica balcanica e gitana, citazioni felliniane ed evoluzioni circensi. Gli esiliati dal regno delle favole troveranno in questo disco un luogo dove essere protagonisti e riscattare con un sorriso le loro stesse sventure: un pagliaccio canta un amore perduto, un barbone trova una città in fondo al mare e un giramondo cerca la propria identità. MANNARINO, funambolo della parola, si fa portavoce di una ciurma di ribelli, esiliati in una terra al confine tra la quotidianità e la fantasia. Dondolandosi come un equilibrista tra la recitazione e la musica permette ai suoi personaggi di fare capriole accorate capaci di sviscerane la profonda umanità.



MANNARINO nasce a Roma nel 1979. Inizia la sua attività artistica a partire dal 2001, quando girando per l’antica suburra del rione Monti, si esibisce in strane session a cavallo tra il djing e il live acustico. Lasciandosi alle spalle queste esperienze di “dj con la chitarra”, nel 2006 da vita alla “Kampina”, una band formata da 5 elementi: trombone, basso, fisarmonica, batteria, violino e chitarra. Con la nascita di questa formazione ha inizio una fortunata fase della carriera del cantautore romano che lo vede esibirsi nei maggiori club e locali della capitale. Dal rapporto di amicizia e collaborazione con l’autore e attore Massimiliano Bruno nasce lo spettacolo “Roma di notte” rappresentato nell’ambito della rassegna teatrale LET della Cometa Off di Roma. Nel 2008 si esibisce di fronte a prestigiose platee come quella di Villa Celimontana durante il “Festival Jazz”, il “Festival Decò” in Salento e come unico ospite italiano all’interno della sezione Off di “Castel dei Mondi – Festival internazionale di Andria”. Oltre che nei club e nelle piazze MANNARINO si esibisce anche in ambiti che esulano dal contesto strettamente musicale. Assieme ad Ascanio Celestini, David Riondino, Don Pasta, Valerio Aprea e gli Ardecore partecipa a “Soul Food: Incontro su cibo, arte e sostenibilità ambientale” al Teatro Eliseo di Roma, si esibisce in performances da vivo su "Radio Città Futura", "Viva Radio 2" di Fiorello e Baldini, "Radio Popolare", e canta le sue canzoni al carcere di Regina Coeli. Negli ultimi mesi si è esibito sul palco del Teatro Ambra Jovinelli di Roma nello spettacolo “Agostino” ed è stato spesso presente nella trasmissione televisiva “Parla con me” di Serena Dandini. A febbraio 2009 è stato ospite della trasmissione radiofonica “Vasco de Gama” su Radio 2 condotta da David Riondino e Dario Vergassola per cui ha composta la nuova sigla.



http://www.alessandromannarino.it/

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll