22/12/09

Ecco le compilation di Natale del MEI

Il MEI quest’anno si è particolarmente dedicato alla realizzazione di compilation sia fisiche che online, molte delle quali presentate al Meeting di quest’anno (27, 28 e 29 novembre a Faenza) in collaborazione con moltissimi operatori del settore musicale italiano, coinvolgendo oltre 250 artisti indipendenti e valorizzando ancora una volta la scena indipendente del nostro paese.


Tra le iniziative promosse e realizzate in questo 2009 dal MEI c’è il cd “AIE D'ITALIA” la compilation ufficiale del Mei 2009 per rivalutare la musica tradizionale italiana. Il doppio cd, che contiene 33 brani di nuove musiche dialettali provenienti da tutte le regioni d'Italia, è stato presentato con successo al Womex 2009 (la più importante fiera al mondo per la musica world, folk, etnica) svoltosi a Copenaghen fino al 1° novembre, ed è il cd ufficiale del MEI 2009 - dove è stato presentato sabato 28 novembre alle ore 9,30 con testimonial d’eccezione come Teresa De Sio e Davide Van De Sfroos, headliner del progetto discografico. "Aie d'Italia" è stato realizzato in collaborazione con La Musica nelle Aie di Castel Raniero, la Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, le Edizioni Musicali Galletti - Boston e il Ministero per la Gioventù per promuovere e rivalutare in modo originale la musica tradizionale - popolare delle regioni italiane. Tra i tanti nomi degli artisti che hanno partecipato al progetto: Teresa De Sio, Davide Van De Sfroos, Ginevra Di Marco, Mau Mau, Zibba & Almalibre - feat. Tonino Carotone, Lou Dalfin, Riserva Moac e anche nomi nuovi e interessanti come Jacinto Canek, Mini K Bros, Ciccio Merolla, Angela Milanese, Bepi & The Prismas, Iubal Collettivo Musicale e tanti altri per un cd imperdibile capace di raccontare la nuova Italia delle tante comunità locali del nostro paese che rischiano di essere cancellate dalla globalizzazione. Per info e acquisto: info@galbost.com


Un altro progetto interessante e di importante rilevanza significativa è "DECIDILO TU - CANZONE PER L'ABRUZZO" con Alessandro Benvenuti & Gli Indipendenti per l'Abruzzo feat. Moni Ovadia e Raiz. Dopo l'uscita del singolo su iTunes e sulle principali piattaforme digitali in Italia e nel mondo (fra cui segnaliamo Nokia Music Store, Mondadori, SorrisiMusicShop grazie a Ossigeno Digital Distribution www.ossigenodigitaldistribution.com) è stata realizzata la compilation con le diverse versioni di "Decidilo Tu - Canzone per l'Abruzzo", il brano scritto da Alessandro Benvenuti a testimonianza della solidarietà del mondo indipendenti per le popolazioni abruzzesi. L'ultima sorpresa (proprio sul filo di lana...) degli Indipendenti per l'Abruzzo è stata l'adesione di Moni Ovadia e di Raiz (l'ex voce di Almamegretta). I due grandi artisti hanno partecipato alla sorprendente versione yiddish di "Decidilo Tu" della Italian Klezmer Kapelye, realizzata da Enrico Fink e prodotta da Arlo Bigazzi, a cui hanno contribuito anche Rosa Alessandra Cimmino, Olek Mincer, Amit Arieli, Marna Fumarola (del Quartetto Euphoria), Giovanni Cifariello, Massimo Ferri (dell'Orchestra Multietnica di Arezzo), Stefano Saletti (di Banda Ikona) e Marzio Del Testa.
Questa canzone ha una storia singolare con una straordinaria diffusione al di fuori dei circuiti tradizionali. Su proposta del MEI di Faenza e di AudioCoop e prodotto da Arlo Bigazzi, è stata suonata e cantata da molti musicisti dell'area indipendente italiana: i Vega's (giovane band dell'Aquila direttamente colpita nella sua attività dal sisma dell'aprile scorso), da Stefano Saletti e Barbara Eramo di Banda Ikona, Quartetto Euphoria, Enrico Fink e molti altri. E' diventata un vero e proprio laboratorio, con molte e differenti versioni: diffusa nella rete, trasmessa da più di centocinquanta radio, tradotta in inglese e propagata nei circuiti alternativi europei.

La compilation e tutto l'impegno degli artisti che fanno riferimento alla scena indipendente italiana a favore dell'Abruzzo colpito dal terremoto del 6 aprile, sono stati presenti a Faenza durante la Notte Bianca del Mei (sabato 28 novembre in piazza del Popolo) dove era stato allestito "Un palco per l'Abruzzo", al quale hanno già aderito moltissimi artisti indipendenti. Per info e acquisto: info@matson.it



Una compilation tutta “made in Milano” che racchiude i miglior artisti della scena indie della città e dal geniale titolo “Non me ne lavo Milano”, che porta allo scoperto ancora una volta l’esigenza di interessarsi sempre di più alle realtà territoriali racchiuse nella propria città, nei proprio luoghi di origine, valorizzandone le peculiarità contro ogni facile disinteresse. “Non me ne lavo Milano” è la compilation ufficiale di Mi-Indies, un coordinamento nato il 15 aprile per valorizzare il lavoro della discografia indipendente milanese nei confronti di istituzioni locali, provinciali e regionali e altre attività associative culturali, fondato da Giordano Sangiorgi del Mei, Christian Perrotta dell’etichetta Maninalto! e Diego Galeri della Prismopaco, operatori che per l’occasione son riusciti a riunire realtà differenti e di qualità. Ricordo la partecipazione di uno dei gruppi più geniali di quest’anno, i Calibro 35, musicisti made in italy attualmente tra i più apprezzati, sia grazie alla loro speciale rielaborazione delle colonne sonore dei film polizieschi anni ’70 sia per i loro personali lavori. Per la compilation hanno scelto “I milanesi ammazzano il sabato”, tra gli ultimi brani degli Afterhours e ispirato dal romanzo giallo di Giorgio Scerbanenco. Tanti i significati profondi e le tematiche affrontate in “Non me ne lavo Milano”. Fabrizio Coppola ha dedicato il suo brano “La stupidità” presente nella compilation a Abdul Salam Guibre il 19 enne del burkina faso ucciso a sprangate in seguito ad un furto di biscotti, i Deasonika raccontano in “Viole” un abbandono della realtà urbana mai definitivo, l’ex cantante dei Ritmo Tribale Edda esprime la sua dipendenza emotiva nei confronti di una città amata ed odiata allo stesso tempo, la forte presa di posizione dei Punkreas con la loro “Non cambio mai”, i Vallanzaska che con “Milano Sings” narrano lo sventramento di un’aggressione vissuto in prima persona dal cantante proprio a Milano e tantissimi altri artisti: Extrema, The Fire, Fratelli Calafuria, Linea, Miura, Giancarlo Onorato, Denise, Kitsch, The Lemon Squeezers band, Nadar Solo, Skarabazoo, Stecca, Stoop, Toxic Tuna e The Wet Dogs. Per info: www.myspace.com/miindies


Altra novità è la possibilità di avere on line alcune compilation del MEI da ascoltare e scaricare, come “MEI vs Rockstar”, una compilation digitale indie rock del Mei 2009 in concomitanza con l'uscita del mensile Rockstar di novembre/dicembre con il meglio dell'indie rock indipendente ed emergente (Teatro degli Orrori, Le Luci Della Centrale Elettrica, Dente, Mariposa, Vallanzaska, Co' Sang, Hot Gossip, Tecnosospiri e tanti altri), “Hip Hop Mei”, la compilation con il meglio delle passate edizioni del contest rap curato da Piotta svoltosi al Mei insieme ad XL al link www.xelle.it ; con i piu' importanti nomi del panorama emergente hip hop italiano indipendente, disponibile sul sito di XL, con Amir, Othello, Gue Pequeno, Skizo e altri tra i nomi piu' interessanti del panorama rap emergente italiano; “Suoni di Confine”, realizzata con Amnesty International e disponibile su www.amnesty.it e su www.myspace.com/meisuonidiconfine, legata ai suoni multietnici presenti nel nostro paese, che presenta i vincitori e i premiati dell'edizione 2008 di Suoni di Confine, tra i quali Teresa De Sio, Tony Esposito, A67, La Banda di Piazza Caricamento e tanti altri, “DUEMILA e ZERO WATT” da ascoltare su http://www.myspace.com/2000zerowatt con gli 8 finalisti del Concorso "Pace e Solidarietà" che si sono esibiti nell'ambito del MEI 2009 domenica 29 novembre presso l'Auditorium di S. Umiltà di Faenza, un concorso nell’edizione 2009 ha celebrato il decennale dalla sua prima edizione, realizzato in occasione del Giubileo 2000.



Nuova compilation per la storica etichetta Cramps Records, che raccoglie nella sua "Anthologia Funk" (ben due cd) il meglio del Funky Made in Italy degli ultimi trent'anni. Tra gli artisti presenti segnaliamo Area, Napoli Centrale, Rino Gaetano, Eugenio Finardi, New Trolls, Elio e le storie tese, Fun-Key, Bisca e tantissimi altri. La collaborazione del giornalista Ernesto De Pascale, l’artista Bobby Soul e del Mei ha reso possibile la pubblicazione che, in due CD, riassume e ripercorre, attraverso gli artisti selezionati, le tappe, l’evoluzione e il consolidamento nella scena musicale italiana di un genere musicale fino ad oggi considerato d’ importazione. Per usare proprio le parole di Ernesto De Pascale : "Il Funk quindi, aggiornava, anche grazie ai progressi nella costruzione degli strumenti usati, la visione della musica italiana, dandole un tono più internazionale e al passo con i tempi. Venne infatti usato indiscriminatamente da artisti delle più disparate provenienze ed esperienze..."..."...Lì dove con il suo tono muscolare dovette sostenere concetti profondi fu usato come "passepartout" della comunicazione mentre lì dove era solo il "trait d’union" tra fisicità della canzone e flessibilità del risultato, ne uscì come miglior complice di entrambe le parti..." Info e Acquisto: http://www.self.it/ita/details.php?nb=8033224410227





Al MEI è stata inoltre presentata la Compilation "DAL PROFONDO" nata da un'idea di Marino Severini dei GANG in memoria di Paolo "Zico" Mozzicafreddo, poi ampliata, stampata e distribuita dall'etichetta Latlantide, con l’obiettivo di realizzare e finanziare "UN POZZO D'ACQUA IN AFRICA". Al cofanetto composto da due cd audio MP3 in alta qualità (256 kbps), hanno aderito ben 171 artisti e gruppi musicali della scena indipendente italiana e non, tra cui Bandabardò, Modena City Ramblers, Cisco, Diaframma, Gang, Il parto delle nuvole pesanti, Le luci della centrale elettrica, Marco Carena, Skiantos, Aida Satta Flores, Maxi B, Persiana Jones, Small Jackets, Ojm, The Hormonauts, Tre allegri ragazzi Morti, Sir Oliver Skardy & Fahrenheit 451, Scandalo al Sole & Roy Paci, Claudio Lolli, The Vad Vuc, Paolo Benvegnù, Massimo Priviero, The Fire, Vallanzaska, ecc ecc tutti insieme per fare un piccolo passo in avanti. Domenica 29 novembre nel piazzale della Fiera di Faenza durante MEI 2009 è stata realizzata la più grande foto degli indipendenti italiani con moltissimi artisti del progetto. Per info: info@latlantide.it



Con questi progetti e le tantissime iniziative del MEI, questa tredicesima edizione si è veramente dimostrata la grande fiera della nuova musica italiana e salone di tutta la filiera musicale del made in Italy del nostro paese: le importanti presenze istituzionali, la grande partecipazione popolare, la grande quantità di artisti ed espositori, la presenza di tutta la filiera musicale: dai produttori agli strumenti musicali, dalle istituzioni alle associazioni di categoria, dai promoter ai giornali, dai circoli alle radio, dagli editori ai videoclip, dal mondo del digitale e dell'on line fino ai convegni aperti a ogni area culturale nel piu' grande agorà democratico e ai concerti aperti a tutti i generi musicali presenti in Italia nel mondo degli indipendenti e delle autoproduzioni e a tutto quanto si muove con attualità nel mondo della musica fanno del MEI a tutti gli effetti grazie alle tante collaborazioni -locali, provinciali, regionali, nazionali e internazionali- la prima fiera della produzione musicale e culturale italiana e il primo salone della nuova musica italiana. Il Mei è diventato di fatto la piu' importante manifestazione turistica, culturale, economica e giovanile del territorio e del comprensorio di assoluto rilievo nazionale e internazionale, con 15 ore di trasmissione radiofonica su Radio Rai 1 con milioni di contatti e speciale Mei su "Stereonotte" che ha dedicato alla manifestazione l'intera puntata andata in onda la notte fra sabato 28 e domenica 29, 3 ore di diretta su Radio Popolare Network, oltre 30 mila presenze totali durante la tre giorni del Mei, oltre 400 artisti dal vivo, oltre 350 videoclip, oltre 300 espositori, oltre 150 convegni e presentazioni, oltre 200 media accreditati, oltre 100 operatori del settore (fra bands, artisti, ospiti, relatori, espositori e media) provenienti dall'estero perchè ne fanno il vero anti talent show per eccellenza.

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll