27/01/12

Zero Lab Station : Il mondo di sotto

Quando si dice “non avere peli sulla lingua”! Gli Zero Lab Station ce la suonano e ce la cantano come Dio comanda. I testi sono di un’attualità disarmante e rappresentano la voce del proletariato sofferente.
Brani come “L’Italia è una Repubblica” andrebbe fatta ascoltare nelle scuole medie per far capire che non tutto quello che è scritto su carta poi risulta fedele alla realtà della vita. “Santo Subito” ha un riff di chitarra molto aggressivo e live farebbe probabilmente pogare gli ascoltatori.
“La città normale” si fa invece apprezzare per la ritmica delle percussioni: incalzante e piena di verve con un testo che minaccia guerra alle amministrazioni pubbliche poco efficienti.
“Io so” ha un inizio più quieto, ma è solo un’illusione poiché anche il suo proseguo diventa rabbioso, aggettivo riconducibile a tutto il progetto musicale. La band partenopea fa vedere molte buone cose in questo lavoro e gli amanti del genere sicuramente ne saranno entusiasti. Se posso dare un consiglio, ogni tanto una melodia più orecchiabile non farebbe male, ma è una questione di gusti.
Band da seguire, sicuramente con molto interesse.

Diego Pulvirio


Line-up:

Gianluca Panaccione: Voce
Lino Barbiero: Batteria
Davide M. D'angelo: Chitarra
Antonio Gallo: Basso
Tracklist:
1 – Storia di questi giorni
2 – L’Italia è una Repubblica
3 – Santo subito
4 – Good job
5 – Otto del Mattino
6 – Il mio cammino
7 – Pensiero di una bomba
8 – La città normale
9 – Meridione
10 –  Io So

BAND: Zero Lab Station 
ALBUM : Il mondo di sotto
Anno Uscita: 2011
LABEL : CNI Music,Tomato, Alkemist Fanatix Europe
Sito: www.myspace.com/zerolabstation
Voto: 7/10

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll