02/10/12

Romaeuropa festival: il 6 ottobre il padre della musica techno Jeff Mills darà il via a Sensoralia, rassegna di musica elettronica e arti visive

Avrà inizio il 6 ottobre Sensoralia, la rassegna di  musica elettronica e arti visive di Romaeuropa festival in collaborazione con il Brancaleone, giunta ormai alla sua nona stagione. Alla consueta ricerca dei suoni più avveniristici del panorama musicale contemporaneo, Sensoralia - tra video, laptop, mixer e amplificatori - riverbera le nuove tendenze del sound urbano che spazia dalla techno ai suoni acid, passando per beat minimal e tribal house.  Anche questo autunno le migliori proproste del clubbin europeo e internazionale  arrivano al Brancaleone: sabato 6 ottobre Sensoralia viene inaugurata da Jeff Mills, (Detroit, classe 1963), produttore e performer di musica Techno che ha letteralmente fatto la storia del genere.  Famoso per i suoi dj/live set a 3 giradischi e per il suo modo unico di far suonare la Roland TR-909, drum machine che mai lo ha abbandonato, Jeff Mills - con un live/dj set di 3 ore - presenterà “Sequence”, nuovo progetto che celebra il ventennale della sua etichetta Axis. Artista, unico nel suo genere, Jeff Mills ha saputo spaziare dalla Techno più dura alle sperimentazioni più disparate, rilasciando album su etichette come la Tresor (Vaticano della Techno), creando la Axis Records, dando v
ita a progetti come la collaborazione con la Montpellier Philharmonic Orchestra o la serie “The Sleeper Wakes”, incentrata su una particolare visione dell’universo e su interessanti concezioni e descrizioni musicali di spazio e tempo.
Ad aprire la serata  torna in consolle il nostro dj resident più amato: DONATO DOZZY! Nato a Roma, Donato Dozzy è forse il miglior dj di techno ed house ipnotica in Italia. Affascinato dalla musica sin da giovanissimo (a tredici anni era già un drogato di vinili), si è sempre dedicato sia alla musica che ai suoi studi accademici. Nel 2000 si è laureato in Scienze Politiche e ha portato la sua passione per la musica ad un livello professionale. Nel giro di pochi anni è diventato il principale protagonista delle serate del sabato al Brancaleone di Roma e ha giocato un ruolo fondamentale insieme ad alcuni dei dj più importanti della scena internazionale con performance che hanno confermato la sua esperienza e le sue brillanti abilità. Indimenticabili i dj sets a 3 piatti che hanno dato vita a viaggi ideali attraverso tutte le sfumature della musica elettronica. Come produttore, dopo qualche anno di lavoro con Kitchentools (Virgin 2001), il nome di Donato è salito alla ribalta tra gli addetti ai lavori e la stampa di settore grazie alle uscite per la Orangegroove di Berlino, la Lan Muzic, Elettronica Romana e ora anche la WAagon Repair di MATHEW JONSON. Con il suo grande amico Habib Khavari ha fondato l’etichetta Dozzy Records con base in California e dopo aver tracosrso un anno a Berlino, dove ha incanalato l’energia vibrante e colorata della città tedesca nella sua personale esperienza musicale, ora è stato votato tra i migliori 50 dj del mondo nelle classifiche di Resident Advisor, portale di culto di musica elettronica.
Sabato 27 ottobre, la guest star della sarata sarà Skream che torna a calcare il palcoscenico europeo con un nuovo tour dal titolo "Skreamizm". Dopo i super tour con il trio Magnetic Man e l'amico Benga, il pioniere del genere Dubstep torna ad un concept molto semplice, che lui descrive così: "una sala scura, un impianto potente, un extended set, un unico focus...la musica".
L'obiettivo sarà portare il pubblico in viaggio attraverso la musica che ama...con un esclusivo e travolgente dj set di 3 ore!
Il produttore inglese  all’anagrafe, Oliver Dene Jones, classe 1986, costituisce una delle figure più importanti e decisive per l’evoluzione del  dubstep nato nel sud di Londra.  Il suo penultimo lavoro, “Outside the Box” è considerato da molti una delle migliori produzioni dubstep degli ultimi anni. La  sua discografia, sconfinata  per la giovane età  (26 anni) è costituita da numerosi remix per molti big della scena elettronica e figure fondamentali della ricerca musicale (e non solo) mondiale, facciamo solo un nome: David Lynch.
Membro della superband Magnetic Man assieme a Benga e Artwork (la crèm de la crèm del dubstep), Skream ha pubblicato l’omonimo album di debutto nel 2006 sull’etichetta Tempa. Dall’inizio della sua carriera fino ad oggi, Oliver Jones è sempre stato in grado di allargare e rendere sfocata la concezione del termine “dubstep” tenendosi fuori dalle sonorità mainstream che hanno invaso e commercializzato la scena. Capace di unire l’Uk Bass a interessanti costruzioni melodiche, Skream dà vita a performance energiche che spaziano fra il Dubstep, la Drum and Bass e il Grime.

Mercoled’ 31 ottobre tornano al Brancaleone i Frank Sent Us, rock band audio-visiva italiana capace di far suonare immagini e attori come Clint Eastwood, Milla Jovovich, Charles Bronson e Samuel L. Jackson. Il progetto, costituito da Mastro, Frank Sandrello, Frenetik Beat e Mr. Orange, nasce dall’idea di sfruttare suoni di produzioni cinematografiche e televisive (copi di pisola, brevi dialoghi, esplosioni...) per creare beat, il tutto unito agli strumenti di una classica live band (basso, batteria, voce e chitarra elettrica). Il punto forte del progetto sono i live, in cui vengono proiettati in sincro i frame da cui sono stati estratti i suoni. I Frank Sent Us hanno lavorato su prodotti visivi come Pulp Fiction, Il Buono Il Brutto e Il Cattivo, Per Qualche Dollaro In Più, I Simpson, Alì e molti altri fino ad arrivare a rilasciare, nel 2011, “Watch The Sound”, la prima produzione 100% Frank Sent Us sia dal punto di vista audio che visivo (i video della loro ultima fatica sono stati girati in tutto il mondo, fra gli altri luoghi anche il carnevale di Rio). Dobbiamo ammettere che è praticamente impossibile rendere a parole questo progetto, è necessario “just watch the sound and listen to the images”.

Venerdì 2 novembre, l’ultima notte di Sensoralia si conclude con  Apparat o meglio Sascha Ring, musicista tedesco, attivo dal 1996 e noto per la sua grande capacità di spaziare nell’Intelligent Dance Music (IDM), al punto da render inappropriato questo termine con cui spesso viene incasellata la sua musica. Fondatore dell’etichetta Shitkatapult, la sua evoluzione artistica è particolarmente interessante: agli albori (con album come Duplex) il suo sound è stato fortemente caratterizzato da venature glitch, successivamente si è avvicinato all’aspetto più dance dell’elettronica (sempre presente nei suoi live set), ha poi prodotto con Ellen Allien (regina berlinese della Techno) “Orchestra Of Bubblese”, album di rara bellezza, e con i Modeselektor l’album Moderat. Perennemente interessato al cambiamento, all’evoluzione, alla ricerca e alla delicatezza dei suoni, Sascha ha sfruttato nel tempo ambienti di sviluppo grafico come Max/Msp ed è sempre stato incuriosito dalle incursioni di strumenti reali nelle produzioni elettroniche, tanto da pubblicare nel 2011 “The Devil’s Walk”, progetto elettro-acustico che ha agitato la critica internazionale. Durante gli ultimi anni, a causa del tour con la sua nuova band, i dj/live set sono stati sempre più rari tanto che è passato un anno e mezzo dalla sua ultima apparizione a Roma in veste di electronic performer in solo.

Ad aprire la performance di Apparat saranno gli Esperanza, un trio di musicisti italiani (Cécile, Matteo Lavagna, Sergio Maggioni) che, come fin troppo spesso accade, hanno dovuto farsi notare all’estero prima di esser presi in considerazione in Patria. Inscatolare la musica degli Esperanza all’interno di un genere è un obbiettivo a dir poco futile e controproducente. Un ascolto al loro album di debutto (“Esperanza”) dà però un grande aiuto a capire di cosa stiamo parlando. Il trio è in grado di creare brani techno con dura cassa in quattro, ma allo stesso tempo anche di far suonare una chitarra elettrica in modo tale che subito venga da esclamare “Gilmour!”. Si ha, a tratti, del Surf Rock, degli scenari islandesi, dei suoni anni ’80... una commistione di generi che ha fatto letteralmente impazzire il pubblico dell’ultima edizione del Sonar Festival di Barcellona.


dal 6 ottobre al 2 novembre
Sensoralia@Brancaleone
rassegna di musica elettronica e arti visive

Sabato 6 Ottobre
JEFF MILLS (Axis | US) presents "Sequence”
3 hrs live/dj set
DONATO DOZZY (Prologue | It) dj set
SUB BERLIN (Ger) proiezione film - Italian Premiere
Clichèvideo vj

Sabato 27 Ottobre

SKREAM (UK) w/ SGT POKES Mc 3 hrs live/dj set
AndyPop + AleG
More Tv  vj
Serata in coproduzione con Sound Gate
Mercoledì 31 Ottobre
FRANK SENT US (It) a/v live
Clichèvideo vj

Venerdì 2 Novembre
APPARAT (Shitkatapult | Ger) dj set
ESPERA
NZA (It) live - first time in Rome
Clichèvideo vj
Serata in collaborazione con Red Bull Music Academy

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll