15/07/14

ARFF14 ci sarà: il Festival cambia casa e lo spirito continua. Nonostante tutto.






VRFF14_header comunicato-1.jpg



ARFF14 ci sarà:

il Festival cambia casa e lo spirito continua. Nonostante tutto.


APOLIDE:

Persona emigrata all'estero, che non ha alcuna cittadinanza,

perché priva di quella di origine e non in possesso di un'altra.

Non si chiamerà più Alpette Rock Free Festival e quest'anno vivrà con l'acronimo ARFF, dove la A non è più l'iniziale di un luogo, ma quella della parola Apolide.


Ma ciò che davvero conta è che dal 24 luglio al 27 luglio l'Undicesima edizione del Festival si farà e il Canavese, grazie alla collaborazione della Regione Piemonte e alla disponibilità del Comune di Vialfré, sarà ancora una volta protagonista di quattro giorni di musica, camping e attività culturali completamente gratuite.

Sembrava impossibile un salvataggio, dopo che a 30 giorni dalla kermesse le stringenti condizioni poste dal Comune di Alpette avevano costretto ad annunciarne l'annullamento. Eppure l'Associazione Culturale TO LOCALS non ha mai smesso di lavorare a una soluzione alternativa e, supportata nella riprogettazione dell'evento dall'Assessorato alla cultura e al turismo della Regione Piemonte, ha trovato una nuova casa al Festival ARFF.

Nuova casa che sarà l'area naturalistica Pianezze di Vialfré, sulla sommità di una collina dell'anfiteatro Morenico di Ivrea, a 470 metri di altitudine, nel cuore del territorio canavesano. Un'area predisposta ad accogliere manifestazioni di questo genere e dotata di tutti i servizi necessari: il sindaco Gianoglio Vercellino l'ha messa a disposizione dell'organizzazione, pur con l'esigenza di dover coprire alcuni costi che la soluzione comporta. Una spesa supplementare rispetto alla precedente location, affrontata secondo il modello condiviso con la Regione Piemonte, che ha offerto il proprio sostegno a condizione di una partecipazione economica condivisa con il Festival, la sua community e con dei partner privati, in un'ottica di managerialità organizzativa.

E' stata definita una nuova sponsorship, quella dell'emittente televisiva piemontese GRP che con la struttura di produzione MoPi ha voluto essere media-partner del festival proprio per salvarne il destino, andandosi ad affiancare ai sostenitori già previsti: la Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino, Ceres, Molecola e Josè Cuervo.

Ai partecipanti - che avranno come sempre da 10 anni a questa parte libero e gratuito accesso ai concerti, potranno campeggiare liberamente nelle bellissime aree ombreggiate e attrezzate,  disporranno gratuitamente del wifi - verrà quindi chiesto solo un piccolo contributo per l'ingresso con mezzi motorizzati nelle aree di parcheggio.

Sono state numerose le città, i paesi, i borghi e le Associazioni che in questi giorni hanno dimostrato la loro solidarietà e la loro disponibilità ad ospitare ARFF in un momento così delicato per la sua sopravvivenza, attestando la stima nei confronti dell'alto valore culturale dell'evento. Molte di queste realtà provenienti anche al di fuori della provincia di Torino e della regione Piemonte. TO LOCALS  ringrazia con il massimo del rispetto tutti coloro i quali si sono mobilitati in queste ore per salvare il Festival, ma si è deciso fin da subito, con fermezza, di lavorare affinchè ARFF rimanesse legato al proprio territorio, il Canavese. Una terra dove, fino a pochi anni fa, l'idea che si potesse sviluppare un movimento musicale era un patrimonio di pochi. Dove oggi, invece, esiste una scena che vive e si supporta attraverso un network nato dal basso composto da una decina di Festival, racchiusi sotto il grande cappello di "In Canavese c'è Roba".

"La solidarietà dimostrata dal popolo di ARFF, dai suoi collaboratori, dagli amici, dagli artisti, dai fornitori e da tutti coloro i quali CREDONO in questa manifestazione ci ha permesso di trovare la forza per andare avanti e, in meno di 15 giorni, di trovare una soluzione che potesse permetterci di non gettare via un anno di lavoro e regalare al nostro territorio, ancora una volta, un momento di aggregazione e socializzazione culturale. Ringraziamo in particolare la Regione Piemonte e l'Assessorato alla Cultura e al Turismo, presieduto dalla Dott.ssa Antonella Parigi, per averci supportato in questi giorni molto delicati e difficili e per aver trovato insieme a noi una soluzione, oltre a Fondazione CRT, Camera di commercio di Torino, Ceres, Molecola, Josè Cuervo e GRP - MOPI, partner che hanno creduto sin dal principio in questo progetto e senza i quali non sarebbe stato possibile costruire l'edizione 2014.

Saremo dunque ospiti del Comune di Vialfrè, che ringraziamo per la disponibilità dimostrata in così breve tempo, al quale dovremo dimostrare che il popolo e l'organizzazione di ARFF sanno cosa fare e come comportarsi. Sarà una prova ulteriore di grande responsabilità collettiva, come sempre avvenuto in questi 10 anni, e nella quale abbiamo sempre creduto, sia come Associazione, sia come pubblico. Proprio per questo crediamo che la nostra gente e il nostro territorio meritino di essere ricompensati."

Tutti protagonisti. Nessuno spettatore.

Il Cast dell'Undicesima Edizione di ARFF:


MARTA SUI TUBI

THE BLUEBEATERS

CALIBRO35

GIUDA

NIKKI (Radio Deejay)

ETRUSCHI FROM LAKOTA

I MONACI DEL SURF

(the)SNUFFERS Reunion show!

GUIDO CATALANO

WOODOO DOLLS

JOHNNY FISHBORN

EUGENIO IN VIA DI GIOIA

CECILIA

FOXHOUND

ZIP COED

DRESDA BARUCH

ANTHONY LASZLO

CIBO

MAURIZIO BLATTO con SELFIMPERFECTIONIST

GAIA GIORDANI

ANDREA CAVALETTO

ANDREA FEDERICO CECCHIN

FM HARLOCK

BIENOISE

SONAMBIENT

UT!

SALVEZZA

DISCOFORGIA

THE ROOM

INTERIORA

THE HOUSE OF ROCK LIVE!

NOTTI MAGICHE PARTY

IO SONO LEGGENDA

GIULIA PONT

CARLA CARUCCI


…e molto, moltissimo altro ancora!

Il giovedì 24 Luglio saliranno sul palco del Festival i CALIBRO35, maestri assoluti del Funk, Jazz e Prog-Rock strumentale, unici nella loro grandezza. Anticipati dai Canavesani WOODOO DOLLS, tra i più interessanti progetti musicali del nostro territorio che ritornano sul palco di ARFF per presentare il nuovo e attesissimo EP "Sempre in mezzo al..." orgogliosamente autoprodotto e la reunion straordinaria degli SNUFFERS, vecchia gloria del garagepunk nostrano, attesissimi dal pubblico. In apertura di serata, la scuola musicale THE HOUSE OF ROCK aprirà le danze dell'undicesima edizione di ARFF per la terza volta consecutiva.


Saranno con noi THE BLUEBEATERS, una delle più importanti e longeve band rockstaedy d'Italia che per la prima volta saliranno sul palco di ARFF per celebrare i loro vent'anni di carriera sui palchi di tutta Italia e i MARTA SUI TUBI, uno dei progetti più intelligenti e seguiti d'Italia, da poco usciti con il nuovo singolo "Salva Gente" in collaborazione con il Maestro Franco Battiato e un greatest hits che racchiude i migliori lavori dei loro primi dieci anni on the road.


E ancora, i GIUDA, nuova sensazione del glam rock'n'roll italiano, che faranno tappa ad ARFF 2014 dopo aver raccolto successi italiani e internazionali con il loro ultimo album "Let's do it again". Ma non finisce qui, grandi e attesissimi ospiti saranno gli ETRUSCHI FORM LAKOTA dalla Toscana, freschi vincitori del Premio Fred Buscaglione, NIKKI, storico speaker di Radio Deejay che chiuderà le danze del sabato notte con un djset, i FOXHOUND, a tutti gli effetti tra i migliori esponenti della musica torinese del nuovo millennio, il duo di indietronica ZIP COED, CECILIA (arpista torinese) e i MONACI DEL SURF, graditissimo ritorno della surf rock'n'roll band mascherata.


Da tre anni, oltre al main stage, è presente la BOOBS AREA, seconda area del festival, dove è possibile vivere esperienze culturali, presentazioni di libri, salotti, ascoltare deejay e abbeverarsi sotto gli alberi e gli ombrelloni durante i pomeriggi di ARFF.


Si terranno i seguenti incontri:


  • Presentazione di "Sei proprio una scema" (2014, Baldini & Castoldi). Interviene l'autrice Gaia Giordani.

  • Presentazione di "MYTUNES - Come salvare il mondo, una canzone alla volta" (2014, Baldini & Castoldi). Interviene l'autore Maurizio Blatto. Musiche di Giorgio Pilon a.k.a. Selfimperfectionist.

  • Reading "Ti amo ma posso spiegarti Live" di Guido Catalano.

  • Incontro con Andrea Cavaletto, illustratore e scenaggiatore di fumetti e film horror del Canavese. Collabora da molti anni con Bonelli Editore (Dylan Dog, Martin Mystère) e, nel cinema, ha lavorato su oltre 10 lungometraggi.

  • Incontro con Francesco Bianco, imprenditore torinese.

  • EUGENIO IN VIA DI GIOIA live

  • JOHNNY FISHBORN live

  • CIBO live

  • DRESDA BARUCH live

  • ANTHONY LASZLO live

  • Spettacolo teatrale "TI LASCIO PERCHE' HO FINITO L'OSSITOCINA" di e con Giulia Pont.

  • Spettacolo teatrale "RAGAZZA SERIA CONOSCEREBBE UOMO SOLO MAX 70ENNE" di e con Carla Carucci.


Gli spazi letterari saranno intervallati dalla radio e dai deejay di RADIO BANDA LARGA, dalle mostre degli artisti di AUT (Artisti Uniti Torinesi, la più grande associazione di artisti del nord-Italia), ARFFISSIMA, Giorgio De Cicco, Daniele Giustat, dallo yoga mattutino, lo shiatsu, le proiezioni, e da cantautori fino alle ore 20.00 con aperitivi e incontri. Tutto rigorosamente gratuito.


Ecco quindi la quarta edizione di SOUNDSTARS PLANETARIUM, dove vi saranno performance di dj e producers selezionati dai resident Sebastian Love e Discoforgia.


In collaborazione con l'Associazione Culturale YLDA, organizzatrice di PARATISSIMA, sarà realizzata la terza edizione di ARFFISSIMA, installazione di arte contemporanea che vedrà alcuni artisti del territorio culturale Canavesano esporre le proprie opere sotto la guida della Direzione Artistica del grande evento artistico torinese.


ARFF non sarebbe tutto questo se non si potesse avvalere della collaborazione e del supporto di innumerevoli realtà associative, culturali e imprenditoriali del territorio piemontese e nazionale, che credono nei valori della cultura e del rispetto, binomio imprescindibile sul quale da 11 anni, si continua a costruire, passo dopo passo, un sogno che diventa realtà. Basti pensare, rigorosamente in ordine sparso, a: Premio Fred Buscaglione, Paratissima, AncheNo Live, The House Of Rock, Associazione Mama Guitar, Associazione Giostre, Dynamic District 10082, La Piola, LINC (La Cantina), Officine Corsare, sPAZIO211, Badini & Castoldi, Barley Arts, Antenna Music Factory, BPM Concerti, Libera, il Sert di Ivrea, la Croce Rossa Italiana, il May Day di Cuorgné, la Coppa Rock di Sparone, il Generator Party di Pratiglione, il Canavese Punk Rock Party di Busano, Ingria Woodstock Festival, il Frassi Beer di Frassinetto, il Borgiallo Blues Festival, Yes We Rock! di Cuorgné, il Reset Festival di Torino, I Scream Festival di Poirino, Traffic Festival di Torino, Radio One Lab, Radio Banda Larga, Scuola I.R.T.E., Libreria Colibrì, Artisti Uniti Torinesi, In Canavese c'è Roba, Housedada, Placejam, Evotech e molti altri singoli con un solo obiettivo... mantenere altissima la qualità e moltiplicare le attività della manifestazione.

L'Associazione Culturale To Locals crede fermamente che la soffertissima undicesima edizione sarà raggiunta grazie allo sforzo, all'entusiasmo e alla tenacia di centinaia di persone che credono in questa manifestazione che ha portato esperienze uniche in Canavese con decine di artisti di livello nazionale come Brunori SAS, Zen Circus, Linea77, Lo Stato Sociale, Bugo, Tre Allegri Ragazzi Morti, Levante, Perturbazione, Movie Star Junkies, The Sweet Life Society, Mr T-Bone & The Young Lions, Beatrice Antolini, Fine Before You Came, The Rock'n'Roll Kamikazes, LN Ripley, Did, Persiana Jones, Drink to Me, Amari, Arsenico, Treni All'Alba, Stiliti, Titor e tanti, tantissimi altri ancora.

La Direzione Artistica di Alpette Rock Free Festival:

Salvatore Perri, Nicolò Berta, Andrea Casaleggio, Roberto Magi

e gli oltre 100 volontari dell'Associazione Culturale TO LOCALS

Per il programma completo e aggiornamenti in tempo reale:

www.tolocals.com

www.facebook.com/alpetterockfestival

www.twitter.com/alpetterock

www.instagram.com/alpetterock


hashtag ufficiali: #ARFF14 - #prendiferie



COME RAGGIUNGERE ARFF14


IN MACCHINA – MOTO

DA TORINO (40 minuti c.a)

Autostrada Torino-Aosta (A5) fino all'uscita di San Giorgio.

Proseguire a destra per Montalenghe. Alla prima rotonda prendere la terza uscita.

Attraversata Montalenghe, svoltare a sinistra su SP di Cuceglio, proseguire fino all'ingresso di  Vialfrè.

All'ingresso del paese, nei pressi del cimitero, svoltare a sinistra per località Pianezze.

DA AOSTA – IVREA (30 minuti c.a)

Autostrada Aosta-Torino (A5), direzione Torino fino all'uscita di Scarmagno.

Proseguire a destra per San Martino Canavese. Al semaforo in centro al paese prendere a sinistra per Vialfrè.

Attraversare Vialfrè e, nei pressi del cimitero, prendere a destra per località Pianezze.

DA MILANO (c.a 90 minuti)

Autostrada Milano-Torino (A4) fino all'uscita Santhià, prendere direzione Ivrea-Aosta.

Proseguire lungo l'intersezione A4 / A5.

Prendere l'autostrada Aosta-Milano (A5) direzione Torino e proseguire fino all'uscita Scarmagno. Proseguire a destra per San Martino Canavese. Al semaforo in centro al paese prendere a sinistra per Vialfrè. Attraversare Vialfrè e, nei pressi del cimitero, prendere a destra per località Pianezze.

DALL'ALTO CANAVESE (Cuorgné – Rivarolo 20 minuti c.a)

Prendere la Pedemontana SS565 per Ivrea, imboccare l'uscita per Agliè – Bairo seguire per Torre Canavese, San Martino, Vialfrè.

Tutto il percorso dall'uscita dell'autostrada fino all'area del festival è segnalato in loco da appositi cartelli.

Coordinate GPS dell'area del festival: 45°22`48` N - 7°48`72` E

IN TRENO

Linea Torino P.N. - Chivasso - Ivrea - Aosta.

Scendere a Ivrea, 17 km da Vialfrè.

Per gli orari consultate il sito delle Ferrovie:

http://www.ferroviedellostato.it/

Da Ivrea per Vialfrè ci sono alcuni autobus del trasporto pubblico (consultare sito internet GTT – Gruppo Torinese Trasporti http://www.gtt.to.it)

In alternativa, si può prendere un taxi:

Servizio Taxi - Città di Ivrea

Piazza Stazione - 10015 Ivrea (TO)

Tel. 0125.49113












Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll