14/07/14

RAPHAEL GUALAZZI + ARTO LINDSAY (feat. Marc Ribot). La modernità dal sapore antico



Serata all’insegna del “nuovo”, Mercoledì 16 Luglio alle ore 21,30 quando sul palco di Villa Arconati, al suo quinto appuntamento, si alterneranno due set distinti con due tra i protagonisti assoluti della nuova tendenza: Raphael Gualazzi, giovane pianista e interprete che ha già appassionato i pubblici di tutto il mondo (dall’Europa, al Giappone, al Canada) e Arto Lindsay, figura leggendaria della musica apolide e d’avanguardia.
RAPHAEL GUALAZZI torna sui palchi del nostro paese con il suo nuovo capitolo live: il “Welcome to my hell tour 2014”, dopo i grandi risultati del tour 2013, che lo ha visto registrare enorme consenso in Italia e all’estero e il successo al 64° Festival di Sanremo, stregando anche la stampa estera che ha definito l’artista “una rarità” per la sua “illimitata ispirazione per brani originali ed ironici” (Hifi&Records).
Al Festival di Villa Arconati, uno dei suoi “luoghi del cuore”, Gualazzi presenterà il suo nuovo spettacolo: uno show travolgente e sfaccettato che alterna atmosfere suggestive a momenti dall’energia intensa e irresistibile, in cui sarà accompagnato da 9 musicisti - 7 dei quali francesi - tra cui 3 coriste. Il tutto costruito attorno al suo inconfondibile sound internazionale, capace di spaziare con naturalezza dal jazz al blues, con incursioni nel gospel e nel soul, così come nel country e nel rock e con un omaggio ai classici, da Verdi al felliniano Rota.
Mondi diversi per il secondo protagonista della serata, ARTO LINDSAY che, sulla scia del suo ultimo, fondamentale lavoro discografico (Encyclopedia of Arto - Ponderosa Music and Art), fa la sua prima apparizione al Festival. Il talento mondiale di Arto presenta un doppio CD che mette insieme le sue diverse anime musicali, che da sempre sono alla base della sua creatività artistica, facendo emergere la formazione musicale brasiliana a base di Tropicalismo, Samba e Bossanova del musicista e compositore americano, consegnandoci una suggestiva fotografia del suo mondo musicale.
In questo suo tragitto, dalle tante collaborazioni con artisti di diversa estrazione (da John Lurie e Marc Ribot, qui ospite nel suo concerto, a Ryuichi Sakamoto) e nelle importanti produzioni musicali, sempre caratterizzate da elementi apparentemente contrastanti in grado di compenetrarsi sempre di più, lo stile e la creatività che costituisce la sua inconfondibile cifra stilistica.

Nessun commento:

Posta un commento

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all'autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata

Related Posts with Thumbnails
 

Blogroll